Se ti abbraccio non avere paura

Se-ti-abbraccio-non-aver-paura Layout 1Sicuramente uno dei romanzi di cui si è parlato di più nel 2012 è questo Se ti abbraccio non avere paura di Fulvio Ervas. La storia è una storia vera, il viaggio in moto di Andrea e di suo padre Franco Antonello, nel 2010. Solo che Andrea è autistico, solo che tutti lo sconsigliavano. Ervas ha ascoltato con estrema attenzione e sensibilità questa storia e l’ha trasformata in un romanzo bellissimo e delicato. La storia è, in fondo, una storia d’amore, una storia d’amore che non si dimentica. Preferisco non entrare nella dimensione delle critiche sollevate da alcuni approcci terapeutici particolari che hanno ritenuto il romanzo fuorviante, illusorio e il padre di Andrea esibizionista, io so solo che è una storia ed è una storia molto bella. Non credo sia nemmeno importante stabilire se tutto ciò che si racconta nel romanzo è successo davvero così o se qualche parola e qualche avvenimento è stato modificato: è una storia di speranza, la storia di un padre coraggioso che vuole vivere un’avventura con suo figlio, al di là delle convenzioni; la storia di un figlio coraggioso che sa di essere diverso e che “combatte”, in qualche modo, la propria diversità e riesce a insegnare al padre a… godersi la vita a “mollare gli ormeggi”. Un romanzo imperdibile che insegna molto. Il libro è disponibile, scontato del 10%, alla Libreria Universitaria Leggere, in Viale Cittadini, ad Arezzo (dove è attivo anche un magnifico GAS dei libri, per acquisti collettivi di romanzi a prezzo scontato).

La scheda dell’editore Marcos Y Marcos con interviste, recensioni, video ed altro: qui.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Sto leggendo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Se ti abbraccio non avere paura

  1. silvia natoli ha detto:

    ho comprato questo libro dopo aver visto un servixio tv alle iene, non mi sono mai pentita di averlo comprato! È un romanzo di quelli che lascia il segno,non riuscivo mai a smettere di leggerlo… Per me è un grande libro perché ti coinvolge, ti rimangono impressi alcuni passaggi..e poi andrea che dire un ragazzo che con poche semplici parole ti apre il cuore, le sue frasi scritte al computer sono brevi ma intense

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...