15 febbraio 2013: Unione Europea Consiglio dei Ministri dell’Istruzione

Il Consiglio Istruzione del 15 febbraio 2013, al quale ha preso parte il Ministro Profumo, si è aperto con una relazione della Presidenza irlandese sullo stato dei lavori relativi al regolamento istitutivo del nuovo programma pluriennale dell’UE per l’istruzione, la gioventù e lo sport “Erasmus for All”. La volontà del Consiglio, ma anche del Parlamento Europeo è quella di arrivare all’accordo definitivo entro l’estate 2013 in modo da permettere il regolare avvio del programma per l’inizio del 2014.

Facendo seguito alla comunicazione “Ripensare l’Istruzione” presentata il 20 novembre 2012 dalla Commissione al Parlamento e al Consiglio e alla luce dell’Esame Annuale della crescita 2013 preso in esame dal Consiglio Europeo del 13-14 dicembre 2012, i Ministri hanno, poi, adottato le Conclusioni su “Investire nell’istruzione e nella formazione”.

Il documento individua le aree prioritari sulle quali focalizzare le future azioni di riforma nel campo dell’istruzione e della formazione in linea con gli obiettivi “E.T. 2020”.
In particolare gli Stati membri sono invitati a:

  • rivedere i loro sistemi educativi creando un maggiore collegamento tra educazione e mondo del lavoro;
  • promuovere una formazione professionale (VET) di eccellenza – inclusa la qualificazione di terzo livello – anche attraverso un più stretto collegamento con le strategie di sviluppo regionale e locale;
  • individuare i giovani a rischio di disaffezione scolastica e contrastare gli abbandoni precoci anche attraverso la promozione di un più ampio accesso ad un’educazione pre-primaria di qualità;
  • ridurre il numero degli adulti con scarse abilità attraverso misure di orientamento mirato, servizi di lifelong learninge per la validazione dell’apprendimento non formale e informale;
  • incrementare l’uso delle tecnologie nell’educazione, attraverso un più ampio accesso a piattaforme “open” (OER – Open Educational Resources).

La valutazione dei progressi nazionali rispetto alle Raccomandazioni Paese, la cooperazione rafforzata tra Comitato istruzione e Comitato occupazione e una maggiore pro attività del Comitato Istruzione nella formulazione delle raccomandazioni Paese sono infine le indicazioni contenute nel documento per una nuova governance delle politiche europee per l’istruzione che fa dello scambio di informazioni e di buone pratiche un utile strumento per il raggiungimento degli obiettivi comuni.

DOCUMENTO FONDAMENTALE DA LEGGERE

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in TFA e altri percorsi (materiali) e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...