Firenze Nera, di Marco Vichi ed Emiliano Gucci

aaaa firenze nera Il format di questa collana “Due thriller per due autori”edita da Aliberti, presenta questa volta due autori toscani: Marco Vichi ed Emiliano Gucci, autori di Firenze nera.

Sesso-cibo-soldi-morte: gli ingredienti per raccontare l’Italia che trasgredisce, gli ingredienti, forse, per leggere il nostro tempo. Il Paese reale, fra città e provincia, in cui è normale trovare un po’ di riposo e divertimento con prostitute esotiche a domicilio, che cucinano una cena piccante indimenticabile… Come accade in Cucina a domicilio. Lingua e testicoli di maiale in salsa d’arancia e coriandolo. Una ricetta in cui l’ospite diventa attore e pietanza di un macabro rituale di un serial-euro-killer, menù stuzzicante?

A Firenze basta partecipare a un addio al celibato per ritrovarsi invischiati nel mondo della fantasia. Una fantasia sfrenata che diviene realtà: come in Gang Bang. Il porno per tutti: un mondo fittizio di eroi tragicomici in mutande, in giro per squallidi corridoi e in attesa di planare su una taglia extra large, tra attese e delusioni.

Firenze nera raccoglie due racconti di due autori fiorentini (o quasi), Vichi e Gucci, ambientati nella loro Firenze. Lo sfondo delle vicende non è però quello da turista con le belle piazze, le opere d’arte, i monumenti noti in tutto il mondo. Gli angoli riposti nei quali si muovono i protagonisti di questi racconti sono quelli nascosti comuni a molte città odierne: le pieghe e i risvolti di un mondo che appare laborioso e pulito ma, sollevato il tappeto,  appare in tutta la sua corruzione, il suo fetore, il suo marciume.

Spinti dal desiderio, dalla noia, dalla paura del tempo che scorre, i protagonisti di entrambi i thriller sono travolti da un destino eccitante e illusorio che delude quasi quanto promette o forse di più…

Storie lontane dal quotidiano, narrate con lucidità e gran ritmo emotivo, lontane abbiamo detto…???

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Sto leggendo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...