Le effemeridi: oltre la fine dell’umanità – “Il più affascinante romanzo sulla fine del mondo”. Amélie Nothomb

aaaaaEffemeridi_cover-sito1-300x300Alice sarà qui tra qualche ora. È martedì, il primo martedì del mese di dicembre del terzo anno dal nostro incontro. “Il nostro incontro”: ricordo ogni particolare di quel giorno. Il primo sguardo, il primo turbamento, le prime parole. Ogni istante si è fissato nella mia mente, sono i miei ricordi più limpidi, i più presenti, quelli con cui dormo e mangio inutile cercare di sbarazzarsene. Eppure, in questi ultimi tre anni, avevo relegato tutto da qualche parte in fondo alla mia testa, in uno scantinato immaginario, e stavo bene così, arriverei persino a dire che avrei potuto continuare a vivere per parecchi decenni senza che le immagini e i suoni del passato tornassero a disturbarmi. Quel che era stato era stato, ma il ritorno alla realtà richiede una maggiore disponibilità. I genitori da andare a trovare, Patty, il cascinale e gli animali di cui occuparsi, le pietre che abbiamo posato per costruire qualcosa, tutto questo mi ha mantenuta attiva, e non vedo cosa avrei potuto fare di meglio nella vita. Strano come mi sia tornata la memoria, da quando ho saputo del suo ritorno. Alice è tornata.  Non me lo aspettavo.

Il più affascinante romanzo sulla fine del mondo. (Amélie Nothomb)

Provate a pensare che cosa fareste, cosa pensereste, come vi comportereste se conosceste già la data ultima per l’umanità … e se tale data non fosse poi così lontana, anzi, prossima. Pensate a come si potrebbe caricare di senso ogni azione, pensate a che cosa diventerebbe avere un figlio, farlo crescere, pensate a cosa significherebbe avere una relazione. Pensate quanta urgenza, quanto di definitivo in ogni gesto, in ogni parola. Le effemeridi, di Stéphanie Hochet, ci presenta una serie di personaggi, assolutamente non eroici, anzi piuttosto degli antieroi, che si trovano esattamente in questa situazione, che può riservare anche dei paradossi… ad esempio se vi avessero detto che avete contratto una malattia mortale e avete una speranza di vita molto ridotta potreste scoprire che questo non è più un problema perchè la scadenza dell’umanità è anteriore alla vostra… ah, dimenticavo… e se si sapesse che solo certi cani potrebbero sopravvivere?

Un romanzo privo di qualsiasi retorica, che ci trasporta in un’atmosfera di oltranza, a tratti duro, scritto meravigliosamente. Ottima la traduzione di Monica Capuani.

Se vuoi sapere cosa significa il titolo CLICCA QUI.

Questa voce è stata pubblicata in Sto leggendo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...