Il 17 maggio: giornata mondiale contro l’omofobia – Intervenire a scuola

Ho scelto di non postare questo mio personale stimolo e commento alla Giornata Mondiale contro l’omofobia, di cui mi occupo spesso, per lasciare spazio alle organizzazioni e alle testimonianze ufficiali. Non credo ci sia molto da aggiungere quando proprio ieri l’Unione Europea ha diffuso i risultati di una ricerca che dice che, in Europa un omosessuale su quattro (per la precisione il 26%) ha subito violenze o minacce negli ultimi cinque anni. Inoltre i due terzi della comunità di gay, lesbiche, bisessuali e trasgender (la cosiddetta comunità Lgbt) teme ancora di mostrare la propria sessualità in pubblico e la maggior parte si sente discriminata. “Paura, isolamento e discriminazione sono fenomeni quotidiani per la comunità Lgbt in Europa“, ha denunciato nella relazione Morte Kjaerum, direttore dell’Agenzia dell’Unione Europea per i Diritti Fondamentali (Fra). Il sondaggio, descritto come il più corposo mai realizzato sul tema, ha ‘ascoltato’ 93mila persone nei 27 Stati membri dell’Ue, con l’aggiunta della Croazia, prossimo a unirsi al ‘blocco’ nel mese di luglio.

La convinzione di chi scrive è che le urgenze riguardino certamente i provvedimenti normativi e la concessione dei diritti fondamentali, ma che occorra comunque intervenire nel sistema di istruzione che produce, attivamente, sessismo e maschilismo eteronormativo. Per far questo occorre varare una campagna informativa di ampio raggio e investire nella formazione degli insegnanti di ogni ordine e grado. Su questo tema rimando al volume: L’identità sessuale a scuola (clicca qui).

Disponibile da pochi giorni l’audiolibro che ho registrato insieme all’attrice Arianna Gaudio, con relativo e-book, dal titolo: DI CHE SESSO SEI? (clicca qui per vederlo).

Situazione normativa: alla Camera c’è una proposta di legge, a firma del Pd Ivan Scalfarotto, che ha già raccolto 221 firme tra esponenti del suo partito, di Sinistra ecologia e libertà, Movimento 5 stelle e Scelta Civica. In pratica, un terzo del Parlamento sarebbe pronto a votare la legge. Si tratta di capire se questo fronte trasversale può ulteriormente allargarsi in commissione e in aula. Il testo Scalfarotto è finalizzato a combattere l’omofobia e la transfobia in tutte le sue forme grazie all’estensione della legge Mancino che già punisce il razzismo basato su etnia, nazionalità e religione. Un analogo disegno di legge è stato presentato al Senato dal senatore Pd Sergio Lo Giudice, e ha già raccolto le firme di un’ottantina di senatori tra Pd, Sel, M5s e Scelta Civica. Ce n’è poi uno dei senatori del M5S, a prima firma Michela Montevecchi e sottoscritta da suoi 14 colleghi.

Il video della campagna del circolo Mario Mieli.

Guarda la mappa dei diritti umani gay e lesbici nel mondo: clicca qui.

Comprendere la differenza: verso una pedagogia dell’identità sessuale (clicca qui).

Questa voce è stata pubblicata in Appunti e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...