Momenti di trascurabile felicità, di Francesco Piccolo

aaa momenti  «Gli sms dopo le undici di sera che dicono: dove sei?, che significano molto di più di quello che dicono».

«Quando la donna con cui dormo ha capito che ognuno deve dormire dal suo lato. Che ci si può abbracciare prima, o quando ci svegliamo la mattina, ma quando si dorme bisogna stare ognuno per i fatti suoi. Dividendo il letto con la stessa meticolosità con cui si tracciava la linea di divisione del banco con il compagno di banco, a scuola».

«Il primo film al ritorno delle vacanze, gli ultimi giorni di agosto, quando si sentono in modo distinto tutti gli odori del cinema: delle poltrone, della pellicola, dei popcorn, dei bagni».

«Quando il distributore automatico finalmente, dopo vari tentativi, ingoia la banconota che ho stirato più volte. E il fatto che poi viene fuori per davvero quello che avevo chiesto. Sarà per il fatto che ho un’innata sfiducia nei distributori automatici».

«Quando chiacchiero con un amico passeggiando, continuiamo a camminare soltanto se la conversazione è del tutto frivola, trascurabile, ma se ci accendiamo, se stiamo per dire una cosa più seria, più importante, in quel momento smettiamo di camminare, allunghiamo la mano verso il braccio dell’altro e ci fermiamo, e per tutto il tempo che la discussione è seria, stiamo lì piantati, e le mani gesticolano, si muovono, non stanno affatto in tasca o dietro la schiena. Soltanto dopo la risoluzione, uno dei due riprende il cammino, seguito dall’altro, e rinfila le mani in tasca.».

«La prima e l’ultima pagina di un libro».

(Francesco Piccolo, Momenti di trascurabile felicità, Torino, Einaudi, 2010)

Un libro intero sui piccoli motivi per essere felice che ognuno di noi ha, Francesco Piccolo con acume e brillantezza, con autoironia e leggerezza ci propone i suoi. Un libro che fa bene all’anima, che fa sorridere. Un libro con il quale scoprire, per associazione o per differenza i motivi e le piccole cose che sono in grado di renderci felice.

Un libretto agile, da portare con sé per ricordarsi ogni tanto di essere felici o per compilare, sulla scorta di questo, un proprio piccolo repertorio di cose che possono renderci felici a cui attingere nei momenti di difficoltà. Non un libro da leggere, necessariamente, tutto di un fiato, ma un ottimo vademecum … in tasca, sul comodino per leggere un “momento” ogni mattina o dove preferite. Buona lettura.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Sto leggendo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...